Itinerari: Piacenza tra Seicento e Settecento


Testo estratto da www.piacerepiacenza.it

Piacenza, a partire dall’età farnesiana, si trasforma in residenza cittadina della classe aristocratica, la quale avvia una molteplice e stupefacente realizzazione di sontuosi palazzi (nel 1748 si arriva a contarne ben 123 con la presenza di circa 300 famiglie nobili). Alla costruzione di edifici concepiti secondo il gusto scenografico e fastoso del tempo sono chiamati progettisti ed architetti di fama come Ferdinando Bibiena (1657-1743), Luigi Vanvitelli (1700-1773) e Cosimo Morelli (1732-1812). Parallelamente ai palazzi, anche gli edifici religiosi aumentano considerevolmente; grazie a ciò Piacenza è nota anche come “la città delle 100 chiese”.

 

Piazza Cavalli

Ornano piazza Cavalli le splendide statue equestri di Alessandro e Ranuccio I Farnese, opera dello scultore toscano Francesco Mochi, che le realizzò tra il 1612 e il 1628. Le statue in bronzo, che sono le sculture barocche più importanti della città, si alzano maestose su basamenti con bassorilievi di iconografia farnesiana. Sul lato nord della piazza si trova il neoclassico palazzo del Governatore (1787), progettato dall’architetto Lotario Tomba, sulla cui facciata risalta un calendario celeste perpetuo. Sul lato opposto troviamo palazzo Mercanti (1697), ora sede del Municipio, modello di architettura civile tardo seicentesca con un insolito portico in facciata.

Palazzo del Governatore

Progettato da Lotario Tomba (1787) , il palazzo presenta un’elegante facciata neoclassica, impreziosita da un calendario celeste perpetuo progettato dall’astronomo piacentino Gian Francesco Barattieri.

Palazzo dei Mercanti

Ora sede del Municipio e così denominato perché un tempo fu sede del collegio dei mercanti. La costruzione fu completata nel 1697 e rappresenta un modello di architettura civile tardo seicentesca, nonostante l’insolita presenza del portico in facciata.

Il Collegio dei Gesuiti

L’area su cui sorge il palazzo fu assegnata alla Compagnia di Gesù dal Duca Ottavio Farnese. Accanto sorge la maestosa chiesa di S. Pietro (secoli XVI -XVII), destinata in origine al servizio liturgico del collegio, che custodisce al suo interno pregevoli opere di fattura barocca. Nel periodo del riformismo illuminato i Gesuiti furono allontanati dalla città (1774) e il palazzo divenne sede della Biblioteca Comunale Passerini Landi, che possiede, tra gli altri, il più antico codice datato della Divina Commedia.5. La chiesa di S. Raimondo (1729), a pianta centrale, conserva arredi originali dell’epoca (coro ligneo, tabernacolo, ambone, seggio). Fino agli inizi del Novecento, quando la via fu intitolata al primo re d’Italia, la chiesa dava il nome alla via, al rione e alla vicina porta delle Mura Farnesiane. 6. La chiesa di S. Teresa (1650) è caratterizzata da un’unica navata e da cappelle laterali che custodiscono opere di Roberto De Longe, Giuseppe Natali e Giacomo Ceruti detto il Pitocchetto. 7. L’oratorio di S. Cristoforo (1690) è opera di Domenico Valmagini che lo realizzò con una pianta a croce greca. Di notevole pregio sono le decorazioni della cupola di Ferdinando Galli Bibiena e Giuseppe Natali. Oggi ospita concerti e rassegne musicali. 8. La chiesa di S. Giorgino fu costruita attorno alla metà del Seicento. L’interno della chiesa è impreziosito da decorazioni e dipinti, tra cui spicca un’importante opera di Roberto De Longe. Nella prima metà del XVIII secolo è stata aggiunta, verso la strada, una grande cappella. 9. L’oratorio di Camposanto Vecchio o chiesa degli Appestati (1640), edificato in area golenale, testimonia la peste di manzoniana memoria che colpì anche Piacenza nel 1630. Il terreno su cui venne realizzato l’oratorio fu utilizzato per seppellire molti degli appestati. La chiesa fu ricostruita nel XVIII secolo e le ossa raccolte nella cripta.10. Palazzo Scotti da Sarmato, costruito nella seconda metà del XVIII secolo, presenta una pianta semplice ricollegabile ad altri palazzi piacentini, arricchita da materiali e decorazioni preziose. Un bellissimo giardino all’Italiana è visibile dallo stradone Farnese. ! Residenza privata11. Palazzo Anguissola Cimafava Rocca, ricostruito nel XVIII secolo, è strutturato su tre cortili con schema a U verso il giardino e introdotto da un portico. Il cancello neoclassico presenta motivi di sole raggiato e insegne della famiglia. ! Residenza privata 12. Palazzo Malvicini Fontana, databile alla fine del XVII secolo, esibisce una ricca decorazione esterna. Importante lo stemma del casato sull’angolo tra via Verdi e via S. Franca.! Residenza privata 13. Palazzo Galli, databile alla seconda metà del XVII secolo, presenta diverse fasi decorative: gli affreschi del salone d’onore, di gusto classicheggiante con storie di Giulio Cesare, risalgono alla fine del XVII secolo, la sistemazione della facciata è del XVIII secolo, mentre successivi interventi sono stati realizzati tra il XIX e l’inizio del XX secolo con la copertura in vetro e ferro del cortile interno. Oggi ospita manifestazioni espositive e culturali. 14. Palazzo Mandelli, databile alla metà del XVIII secolo, presenta una facciata di 75 metri che insiste sulle strette strade della Piacenza romana. Importanti sono i balconcini d’angolo. Al piano nobile i timpani delle finestre hanno mascheroni e decorazioni in stucco. Dal 1913 è sede della Banca d’Italia. 15. Palazzo Costa, databile alla prima metà del XVIII secolo, presenta una facciata incompleta (su 21 finestre previste se ne contano 14). Il timpano centrale è in stile rococò con stucchi e pregevoli ferri battuti. L’organizzazione dell’edificio è ad U sullo spazio verde, dove si aprono due giardini, il primo all’Italiana e il secondo all’Inglese. Gli affreschi del salone d’onore sono opera di Ferdinando Bibiena e di Giovanni Evangelista Draghi, e sono un capolavoro manifesto della “veduta per angolo”, attraverso costruzioni architettoniche dipinte capaci di suscitare

Chiesa di San Raimondo

La chiesa di S. Raimondo (1729), a pianta centrale, conserva arredi originali dell’epoca (coro ligneo, tabernacolo, ambone, seggio). Fino agli inizi del Novecento, quando la via fu intitolata al primo re d’Italia, la chiesa dava il nome alla via, al rione e alla vicina porta delle Mura Farnesiane

Chiesa di Santa Teresa

La chiesa di S. Teresa (1650) è caratterizzata da un’unica navata e da cappelle laterali che custodiscono opere di Roberto De Longe, Giuseppe Natali e Giacomo Ceruti detto il Pitocchetto.

Oratorio di San Cristoforo

L’oratorio di S. Cristoforo (1690) è opera di Domenico Valmagini che lo realizzò con una pianta a croce greca. Di notevole pregio sono le decorazioni della cupola di Ferdinando Galli Bibiena e Giuseppe Natali. Oggi ospita concerti e rassegne musicali.

Chiesa di San Giorgino

La chiesa di S. Giorgino fu costruita attorno alla metà del Seicento. L’interno della chiesa è impreziosito da decorazioni e dipinti, tra cui spicca un’importante opera di Roberto De Longe. Nella prima metà del XVIII secolo è stata aggiunta, verso la strada, una grande cappella.

Oratorio di Camposanto Vecchio o Chiesa degli Appestati

L’oratorio di Camposanto Vecchio o chiesa degli Appestati (1640), edificato in area golenale, testimonia la peste di manzoniana memoria che colpì anche Piacenza nel 1630. Il terreno su cui venne realizzato l’oratorio fu utilizzato per seppellire molti degli appestati. La chiesa fu ricostruita nel XVIII secolo e le ossa raccolte nella cripta.

Palazzo Scotti da Sarmato

Palazzo Scotti da Sarmato, costruito nella seconda metà del XVIII secolo, presenta una pianta semplice ricollegabile ad altri palazzi piacentini, arricchita da materiali e decorazioni preziose. Un bellissimo giardino all’Italiana è visibile dallo stradone Farnese. Residenza privata.

Palazzo Anguissola Cimafava Rocca

Palazzo Anguissola Cimafava Rocca, ricostruito nel XVIII secolo, è strutturato su tre cortili con schema a U verso il giardino e introdotto da un portico. Il cancello neoclassico presenta motivi di sole raggiato e insegne della famiglia. Residenza privata.

Palazzo Malvicini Fontana

Palazzo Malvicini Fontana, databile alla fine del XVII secolo, esibisce una ricca decorazione esterna. Importante lo stemma del casato sull’angolo tra via Verdi e via S. Franca. Residenza privata.

Palazzo Galli

Palazzo Galli, databile alla seconda metà del XVII secolo, presenta diverse fasi decorative: gli affreschi del salone d’onore, di gusto classicheggiante con storie di Giulio Cesare, risalgono alla fine del XVII secolo, la sistemazione della facciata è del XVIII secolo, mentre successivi interventi sono stati realizzati tra il XIX e l’inizio del XX secolo con la copertura in vetro e ferro del cortile interno. Oggi ospita manifestazioni espositive e culturali.

Palazzo Mandelli

Palazzo Mandelli, databile alla metà del XVIII secolo, presenta una facciata di 75 metri che insiste sulle strette strade della Piacenza romana. Importanti sono i balconcini d’angolo. Al piano nobile i timpani delle finestre hanno mascheroni e decorazioni in stucco. Dal 1913 è sede della Banca d’Italia.

Palazzo Costa

Palazzo Costa, databile alla prima metà del XVIII secolo, presenta una facciata incompleta (su 21 finestre previste se ne contano 14). Il timpano centrale è in stile rococò con stucchi e pregevoli ferri battuti. L’organizzazione dell’edificio è ad U sullo spazio verde, dove si aprono due giardini, il primo all’Italiana e il secondo all’Inglese. Gli affreschi del salone d’onore sono opera di Ferdinando Bibiena e di Giovanni Evangelista Draghi, e sono un capolavoro manifesto della “veduta per angolo”, attraverso costruzioni architettoniche dipinte capaci di suscitare inganni ottici. Oggi ospita l’Ente museo palazzo Costa – Fondazione Horak.

Palazzo Anguissola da Grazzano

Palazzo Anguissola da Grazzano, databile alla seconda metà del XVIII secolo, fu progettato da Cosimo Morelli con un ingresso decentrato, allineato all’entrata per le carrozze in via Mosca. L’atrio monumentale ha un cancello e decorazioni di gusto neoclassico.! Residenza privata

Collegio Alberoni

Il Cardinale Giulio Alberoni (1664-1752), rappresentante dei Farnese e poi primo ministro di Filippo V di Spagna, unì all’intensa attività diplomatica anche quella di collezionista di opere d’arte e di benefattore. A Piacenza, sua città natale, realizzò, per la formazione superiore del clero, l’omonimo Collegio, che si è distinto fin dalla sua fondazione per l’impegno negli studi filosofici e scientifici, per la preziosa biblioteca e gli osservatori meteorologico, astronomico e sismico. È un vasto complesso architettonico che oggi ospita l’omonima Galleria; negli appartamenti del Cardinale è conservata una notevole collezione di dipinti, tra cui spicca l’ Ecce Homo di Antonello da Messina; sono, inoltre, visitabili la Biblioteca, i Gabinetti di Fisica e di Scienze naturali.