BPB EXPO 2015 1

 

Mentre fervono i preparativi per OroRosso, l’evento che celebra il distretto del pomodoro del Nord a Piacenza dal 2 al 4 ottobre, si delineano alcuni degli appuntamenti immancabili della kermesse.

 

Accanto alle attività strettamente legate al pomodoro, tra show di cucina e degustazioni, spazio anche alle tradizioni popolari, per l’occasione rivisitate in chiave originale per riempire di colori e suoni le vie della città.

 

 

E’ il caso ad esempio della Brianza Parade Band, un collettivo di quasi 40 elementi che armati di trombe, tamburi, flauti e altri strumenti attraverserà le vie di Piacenza suonando un repertorio speciale: niente classici delle bande di paese ma brani presi in prestito dal rock moderno, dalla tradizione melodica italiana e perfino dal pop internazionale dei nostri giorni, con arrangiamenti corali inediti. E’ così che i riff di Back in black degli ACDC o i ritornelli pop di Empire state of mind di Alicia Keys si trasformano in marce travolgenti con i tamburi e i tromboni della banda, che accompagna l’esibizione con balli e coreografie trascinanti. Protagonista sarà anche il pubblico che verrà coinvolto nell’esibizione con balli e canti. La Brianza Parade Band è campione in carica del Campionato italiano delle Marching Band, avendo ottenuto il podio lo scorso luglio a Lecco e dopo i trionfi del 2010, 2012 e 2014.

 

 

Le strade di Piacenza non smetteranno di essere un vero e proprio palcoscenico per gli eventi di OroRosso. Così anche per i Campanacci di Ardesio, un evento che direttamente dalla Val Seriana porta a Piacenza la tradizionale “cacciata dell’inverno”, in un divertente corteo in costume. Ogni anno infatti ad Ardesio va in scena la “Scasada del Zenerù”, una parata in cui adulti e bambini armati di campanacci, padelle e tutto ciò con cui si può far rumore scacciano l’inverno – impersonato da un fantoccio – facendo un gran baccano in un corteo per le vie del paese.

 

 

La Brianza Parade Band e i Campanacci di Ardesio sono solo due dei tanti eventi che animeranno i tre giorni di OroRosso. Protagonisti del festival saranno chef stellati con showcooking che attraversano le mille declinazioni del pomodoro in cucina (dalla bruschetta al bloody mary passando, naturalmente, per la pizza e la pasta, in un “matrimonio” celebrato ad hoc); i ristoranti, che per l’occasione proporranno solo menu in rosso per l’intera durata della festa; gli operatori del settore, che sveleranno i segreti della coltivazione e il fascino dei vari processi di trasformazione, dal campo alla tavola; i bambini con laboratori didattici per imparare le proprietà dell’ortaggio.